Seleziona una pagina

Vediamo come viene redatto un Computo Metrico Estimativo, usando come esempio la progettazione di una rete fognaria

Tornando al caso dell’articolo precedente sul Computo Metrico Estimativo, relativo alla realizzazione di un nuovo tratto di fognatura nera, supponiamo su strada, indichiamo i ragionamenti e le considerazioni che devono essere fatte per poter redigere un computo corretto. 

Partiamo dalla quota della strada: innanzitutto va considerata la demolizione o la fresatura della pavimentazione in conglomerato bituminoso per un determinato spessore (generalmente 10-15 cm), poi lo scavo in trincea. Preliminarmente, vanno definite:

  • la larghezza dello scavo, in funzione del diametro della condotta (minimo 40+DN+40),
  • la profondità dello scavo, che deve tenere in considerazione anche lo strato di sabbia o piestrischetto di base.

La larghezza, poi, è anche funzione della quota del fondo scavo: per altezze superiori a 1,50 m è necessario armare la parete dello scavo (oneri della sicurezza) pertanto è necessario aggiungere ulteriori 40 cm. Il materiale derivante da demolizione e scavo va poi smaltito in discarica (trasporto + indennità).
Successivamente, si procede alla computazione per la posa del tubo, dei pozzetti di ispezione, dei chiusini, degli allacci utenze private.
Ogni lavorazione/voce corrisponde ad un prezzo univoco che va inserito e considerato nel computo metrico estimativo. E così si procede con il rinterro della trincea di scavo, anche in funzione delle prescrizioni dell’ente gestore della viabilità (c’è chi chiede il riempimento con misto cementato, piuttosto che stabilizzato, etc.) fino al ripristino della pavimentazione in asfalto. 

Tutto deve essere coordinato: il materiale che viene demolito e scavato deve essere in ogni caso reintegrato, in conformità a quanto previsto dalle sezioni di scavo e rinterro. 

esempio voci computo metrico
Esempio di voci di un computo metrico estimativo

Cosa fare quando manca la voce nel prezzario

Non tutte le lavorazioni sono così semplici e lineari: ad esempio, la nuova rete deve essere ricollegata ad una condotta esistente. Questa lavorazione va assolutamente computata, poiché è un onere per l’impresa esecutrice che deve essere riconosciuto.
Però, il Prezzario della Regione Veneto non ha voci a riguardo, per cui viene formulata una nuova voce con relativo prezzo per la lavorazione:

  • demolizione della pavimentazione stradale e scavo per la messa in luce della tubazione esistente,
  • taglio della stessa,
  • oneri per la messa fuori esercizio (by-pass, interruzioni del servizio),
    • per l’assistenza dei tecnici degli enti gestori, per la demolizione di parte della condotta per l’eventuale inserimento di un nuovo manufatto di ispezione; formazione dei fori su quest’ultimo, inserimento dei tubi e stuccatura;
  • infine tutti gli interventi di ripristino finale.

Sostanzialmente tutti i diversi step della singola lavorazione devono essere contemplati ed analizzati, al fine di avere un computo metrico realistico rispetto alle lavorazioni che devono essere eseguite. 

Certo, ci vuole esperienza, ma anche interesse e ricerca sulle modalità con cui vengono svolte determinate operazioni.

Per esperienza personale ho verificato che, spesso, i produttori/distributori di determinati materiali o prodotti sono molto d’aiuto per capire il procedimento di posa e quindi i relativi oneri che vanno compensati. Possiamo dire che per fare un computo corretto è necessario individuare e definire tutte le operazioni, anche preliminari, che la singola squadra deve attuare per realizzare l’opera o la lavorazione richiesta. 

In alcuni casi, dove è opportuno individuare determinate quantità, è utile anche il supporto di tavole grafiche per esplicitare determinate dimensioni o lavorazioni. 

Solo questo breve excursus ha richiesto lo spazio di due articoli: ciò evidenzia l’importanza del computo metrico estimativo e soprattutto la necessità che venga realizzato con precisione, poiché è un elaborato fondamentale nello sviluppo di un progetto e nella definizione dei relativi costi.